Serpotta 10

Luxury B&B

Privacy & Policy Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 (c.d. codice privacy)

Tetu Costruzioni Srl, con sede Via Francesco Guardione, 77 – 90139 Palermo (PA), informa, ai sensi dell’art. 13 del Codice Privacy ed in ottemperanza alle prescrizioni del Provvedimento 229/2014 del Garante per la Protezione dei Dati Personali, che il presente sito utilizza le seguenti tipologie di cookie (ossia dei piccoli file di testo che i siti visitati inviano al tuo device, dove vengono poi memorizzati al fine di essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva):

Cookie tecnici

Quei cookie strettamente necessari per permettere:
– la navigazione e fruizione del sito web;
– la raccolta di informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso (“cookie analytics”);
– la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto, “cookie di funzionalità”) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.
Tali cookie sono installati direttamente da Tetu Costruzioni Srl e poiché non vengono utilizzati per scopi ulteriori rispetto a quelli funzionali sopra descritti la loro installazione non richiede il tuo consenso.

Cookie di profilazione di prima parte

Quei cookie utilizzati per inviarti messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze.
Tali cookie sono installati direttamente da Tetu Costruzioni Srl e la loro installazione richiede il tuo consenso; in mancanza gli stessi non saranno installati. 
Ti chiediamo quindi di esprimere di seguito la tua volontà evidenziando che, laddove non effettuassi alcuna scelta e decidessi di proseguire comunque con la navigazione all’interno del presente sito web, acconsentirai all’uso di tali cookie.

Cookie di profilazione di terze parti

Tali cookie sono installati da soggetti diversi da Tetu Costruzioni Srl e l’installazione degli stessi richiede il tuo consenso; in mancanza gli stessi non saranno installati. 
Ti riportiamo quindi di seguito i link alle informative privacy delle terze parti dove potrai esprimere il tuo consenso all’installazione di tali cookie evidenziando che, laddove non effettuassi alcuna scelta e decidessi di proseguire comunque con la navigazione all’interno del presente sito web, acconsentirai all’uso di tali cookie:

StrEat Palermo

Il tour di “StrEat Palermo” si svolge interamente a piedi attraverso le piazze storiche ed i mercati popolari del centro cittadino. L’itinerario prevede alcune soste presso rosticcerie, pasticcerie, venditori ambulanti e taverne per assaporare il delizioso cibo di strada palermitano e degustare una selezione di vini dolci siciliani.

“Streat Palermo” è stato ideato per offrire al turista la possibilità di vivere un’esperienza palermitana al 100%. Guidati da Marco e dalle altre giovani guide locali, si scopriranno i segreti più intimi della cultura popolare palermitana, che passa dalle prelibatezze culinarie di origine araba ed ebraica, alle leggende metropolitane dvakotla.com.ua ancora vive nel cuore di una città millenaria.

All’inizio del tour verrà consegnato l’unico ed inimitabile “Passaporto del Mangione” ed ogni assaggio (5 assaggi di cibo di strada, 1 bicchiere di vino locale,
degustazione di altri prodotti tipici e cannolo fresco o cassatella), verrà ufficializzato dalla guida con il timbro di “StrEat Palermo”.

Il tour parte alle 10.30 da piazza Verdi, con appuntamento di fronte la scalinata del Teatro Massimo e termina alle 14.30 in Cattedrale, ammirando: piazza Verdi, mercato del Capo, chiesa dell’Immacolata Concezione (visita opzionale 1 euro), mercato di Sant’Agostino, piazza San Domenico, mercato della Vucciria, Quattro Canti, piazza della Vergogna, piazza Bellini, SocialTrusts.com mercato di Ballarò e Cattedrale.

Appuntamento di fronte il Teatro Massimo (piazza Verdi) – Palermo
ORARIO: 10.30 – 14.30
COSTO: 39 euro (sconto 10% per i lettori Balarm)
INFO: info.streatpalermo@gmail.com

Palermo

Palermo

Palermo, capoluogo di Regione per la Regione Sicilia, deve il suo nome al termine greco Panormus che significa “tutta porto”.

Le origini di Palermo risalgono al periodo compreso tra l’VIII e il VII secolo a.c., quando i Fenici colonizzarono la zona, in precedenza abitata da Sicani, Cretesi ed Elimi. Dopo essere stata a lungo contesa tra Roma e Cartagine nel corso delle I guerre puniche, la città di Paleopoli passò sotto il dominio di Roma (254 a.c.). In seguito ai numerosi attacchi da parte di varie popolazioni barbariche, la città passò all’Impero Bizantino, che la governò per circa 3 secoli, fino all’831.

Ai bizantini succedettero gli Arabi, sotto il cui dominio Palermo conobbe un periodo di splendore e prosperità. Arte ed economia e si svilupparono brillantemente, la prima grazie all’influsso della cultura araba, la seconda tramite intensi scambi commerciali con i principali porti italiani. Palermo accresceva il suo prestigio costruendo moschee, sontuosi palazzi e giardini lussureggianti. Il dominio degli arabi durò fino al 1072 quando, dopo un lungo assedio, i Normanni riuscirono ad impossessarsi della città dando inizio ad una nuova epoca che vedrà questo popolo espandersi per tutta l’isola. Sotto il dominio normanno Palermo conobbe una certa autonomia, mentre sul campo architettonico vennero edificati palazzi e monumenti simbolo di questo crocevia di culture come la Cappella Palatina e il Duomo di Monreale.

Dai Normanni Palermo passa sotto gli Svevi di Federico II: in questo periodo arte e letteratura si sviluppano ulteriormente culminando nell’istituzione della Scuola Poetica Siciliana. Con il francese Carlo d’Angiò Palermo perde gran parte della sua autonomia, ma il popolo si ribella dando vita alla guerra dei Vespri siciliani (1282) che proseguirà per vent’anni e avrà come obiettivo quello di cacciare i francesi. Il dominio spagnolo (1400 – 1700) sancisce l’inizio di un periodo molto tranquillo per questa città contesa e passata di mano in mano attraverso i secoli.

Palermo ritorna ad essere capitale e viene rinnovata dal punto di vista urbanistico e monumentale. I vari ordini religiosi, sempre più potenti, istituiscono un gran numero di chiese e conventi. E’ un periodo di fasti e opulenza per clero e nobiltà, ma anche di miseria e pestilenze per il popolo le cui ribellioni vengono spesso soffocate nel sangue. Dopo un breve intervallo sotto il Regno dei Savoia (1713 – 1718) e poi sotto gli Austriaci (1718 – 1735), Palermo e la Sicilia tornano ad essere dominate dagli spagnoli diventando Stato Autonomo del Regno di Napoli. Quando poi un decreto borbonico toglie l’autonomia concessa, l’intera Sicilia si solleva (1820 e 1848) e finalmente nel 1860, quando Garibaldi ed i Mille sbarcano a Marsala, Palermo conquista la sua libertà, annettendosi poi nel 1870 al Regno d’Italia.

Mondello

Mondello

Mondello (in siciliano Munneddu) è una frazione e località turistica di Palermo, racchiusa da Monte Pellegrino e Monte Gallo. Distaccata dalla città dal Parco della Favorita, è raggiungibile per mezzo dei tanti viali reali alberati o tramite collegamenti secondari.

La zona è rinomata per la spiaggia, che rappresenta uno dei lidi più ambiti della Sicilia, per le sue numerose ville in stile Liberty, note come migliore espressione dell’Art Nouveau in Italia, e per i siti di interesse storico. È sede del World Festival on the Beach.